CON LA CONOSCENZA ED IL RISPETTO DELLE MODALITÀ' COSTRUTTIVE PREMODERNE SI MANGIA.

 

Rinascimento. Con la cultura (non) si mangia
Vittorio Sgarbi,Giulio Tremonti
A proposito della possibilità di abolire l'oretta di storia dell'arte, secondo la proposta del ministro Bonisoli. Ricordo con profondo disinteresse la storia dell'architettura studiata sul Mazzariol-Pignatti. Il Palladio in piccole foto bianco e nero mi provocavano profondo disinteresse. Quando feci un giro del Palladio nella realtà materica dei manufatti ne conseguii entusiasmo e profondo piacere. Altro che Le Corbusier! In quegli ambienti avrei voluto trascorrere le mie ore e le me notti. Quelle modalità di cantiere ovviamente premoderno vorrei tuttora imitare, copiare, contraffare, quando mi accingo ad un progetto. Il problema, per tornare all'insegnamento della storia dell'arte, è quello di abolire un insegnamento di stili privi di materia e di modalità di cantiere. E di avallare invece lo studio delle modalità' basilari del fare artistico.

 

UNA COPIA DEL BEL QUEENSBORO BRIDGE AL POSTO DEL BRUTTO PONTE MORANDI.

show?id=1602&class=large
Il Queensboro Bridge (1909), che collega Manhattan a Queens, è più' del doppio più' vecchio del ponte Morandi. A me pare ben più'del doppio più' bello. Sara' per la mia insofferenza per il cemento?
Vorrei provare a provocare: e se invece delle genialate di Piano, con le sue fiaccole corrispondenti al numero dei defunti, si realizzasse a Genova una copia di questo magnifico ferraccio? C'è qualche collega virtuoso del rendering che ha voglia di accogliere la mia provocazione verificandone il profilo sul panorama genovese? Ovviamente anche noi, come Piano, rinunceremmo ai diritti sulla parcella!

LA CANTINA FRESCOBALDI IN MAREMMA

show?id=1599&class=large LA CANTINA FRESCOBALDI IN MAREMMA, DELL'OTTIMO PIERO SARTOGO (2008), CON UN GESTO DAL CINISMO VETEROMODERNISTA, IGNORA INDIFFERENTEMENTE SIA IL PROFILO DELLE COLLINE MAREMMANE CHE  LA TIPOLOGIA DEI  MODELLI ARCHITETTONICI PREESISTENTI

 

show?id=1598&class=large

LA CASA ROSSA, COSTRUITA DA LEONARDO XIMENES NEL 1765, DURANTE I LAVORI DELLA BONIFICA GROSSETANA. OTTIENE IL NOSTRO BENESTARE QUESTO INTERVENTO PUO' DIRSI INTRINSECAMENTE MODERNO.

show?id=1595&class=large LA CASA ROSSA, COSTRUITA DA LEONARDO XIMENES NEL 1765, DURANTE I LAVORI DELLA BONIFICA GROSSETANA, OTTIENE IL NOSTRO ENTUSIASTICO APPREZZAMENTO.

QUESTO INTERVENTO PUO' DEFINIRSI INTRINSECAMENTE MODERNO.

Articoli precedenti