BIOGRAFIA DI SANDRO RANELLUCCI

Accade che qualcuno me ne faccia richiesta. Per questo motivo esclusivamente viene resa pubblica la Biografia che segue.

BIOGRAPHY

 

Sandro Ranellucci, born in 1946, is Professor of Architectural Restoration at Gabriele D'Annunzio University, and Professor of Museography at the International University of Art in Florence. He was also Professor of Interior Design at the "Sapienza" University of Rome, and Professor of Museography at the University of Viana do Castelo in Portugal.

 

His office, named “Supervisione dell'Architettura”, is located in Rome, in the Odescalchi Palace, which was designed and modified by Maderno, Bernini, and Vanvitelli.

 

He designed the restoration and the exhibition design of the museum "Casa Museo Signorini Corsi" (L'Aquila, 1998). In 1997 he designed the Museo Civico in L'Aquila and the Archeological Museum MAAQ built in in 2005 within the convent of St. Maria dei Raccomandati.

 

In 1990 he designed the restoration and transformation into hotel of a neogothic skyscraper in Manhattan (NYC). In 2006 he designed offices and showroom for Christie's in Palazzo Lancellotti located in piazza Navona, Rome, originally designed by Carlo Maderno. In 2000 he designed the restoration and interior design of a house in Palazzo Boncompagni in Rome. In 2002 he redesigned the waterfront of the harbor of Civitavecchia, including the ancient Arsenale.

 

In 1988 he designed the exhibition set-up for the megalithic archeological area of St. Martin De Corléans. In 2005 he designed the exhibition set-up for the Museo di Capodimonte in Napoli. In 2003 he designed the set-up of the Arch of Trajan in Benvento. In 1998, he designed the exhibition about the painter Cola dell'Amatrice, located in Amatrice and Ascoli. In 1979 he designed the "Why museum, how museum" exhibition in Cosenza and Genova.

 

In 1998 he designed the offices building for Informatica and Telecomunicazioni in The Pomezia industrial area. In 2000 he designed the Tecnoindex offices building in Pomezia. In 2002, he designed the offices for Aaland in the former industrial building of Lanerossi. In 2002 he designed the offices building for Web I&T in the industrial area of Aprilia (Rome). In 1999 he designed the offices building for Database Informatica / EDS Italia in the industrial area of Pomezia.

 

Several of his works were exhibited within international exhibitions, including: the Architectural Festival of Sofia held at the Central House of Architects (September 18-25th, 2015); the exhibition organized in Los Angeles by the American Institute of Architects and the Woodbury School of Architecture within the Italian Institute of Culture titled "The making of (a new) Rome" (January 2nd - March 1st, 2014), later replicated in Berlin (May 12-29th, 2015); the exhibition organized in Paris within the Italo Calvino library by the Italian Institute of Culture (opening March 11st, 2015); the exhibition titled "Recent works by Roman architects" organized in Tianjin, China (May 22-27th, 2015); the Semana de la Arquitectura organized in San Josè, Costa Rica by the Colegio de Architectos de Costa Rica and the Italian Embassy (October 5-10th, 2015).

 

Sandro Ranellucci wrote several book about museums: Restauro e museografia (Restoration and Museography), Multigrafica, preface by F. Fancelli; Museografia, Bonsignori, preface by F. Minissi; Allestimento e museografia - Dieci anni di corso (Museography and exhibition design - ten years of teaching), preface by F. Minissi; Museum, Trattato di Museografia, Gangemi; Il progetto del museo - Museum design, DEI, Italian and English, preface by F. Gurrieri; Allestimento museale in edifici monumentali (museum design within monumental buildings), Kappa. He's one of the most important scholars about open-air archeological museums. He wrote several books about this topic: Strutture protettive e conservazione dei siti archeologici (Protective structures and conservation of archaeological sites), Carsa ed., preface by F. Minissi; Coperture archeologiche - Allestimenti protettivi sui siti archeologici (Archeological sites roofing), DEI, preface by M. Manieri Elia and M. Dezzi Bardeschi; Conservazione e musealizzazione nei siti archeologici (conservation and exhibit design within archeological sites), Gangemi Editore, preface by M. Dezzi Bardeschi.

He also wrote books about conservation and urban restoration: "Stone Utopies" in L’Aquila nuova by O. Antonini, co-authored by P. Marconi and P. L. Cervellati; Il restauro urbano - Teoria e prassi (urban restoration, theory and practice), Utet; Il restauro ambientale della valle della Caffarella (ambiental restoration of the Caffarella Valley), Palombi; Restauro urbano armonico. Per la decementificazione del territorio. La linea di Benevolo, Cervellati, Marconi (harmonic urban restoration for landscape de-concreting), Gangemi Editore. He also curated the "Manuali del recupero" (manuals of renovation and recovery) about several Italian regions: Manuale del recupero della Regione Abruzzo, DEI, three volumes, preface by L. Benevolo and P. Marconi); Manuale del recupero della Regione Marche, DEI (preface by L. Benevolo, P. L. Cervellati, P. Marconi, F. Mariano).

 

 

 

CHRONOLOGICAL PROJECT LIST

 

1979. Design of the exhibition "Why museums, how museums" in Cosenza and Genova.

1988. Restoration and exhibit design for the Casa Museo Signorini Corsi in L’Aquila.

1988. Exhibit design for the megalithic archeological area of St. Martin de Corléans near Aosta.

1988. Design of the exhibition about the painter Cola dell’Amatrice in Amatrice and Ascoli.

1988. Design of an exhibition about student works at the Faculty of Architecture or Pescara.

1990. Restoration and design of a hotel in a gothic skyscraper in Manhatan (NYC)1995. Design of several house galleries for art collectors.

1997. Design of the Civic Museum in L'Aquila.

1998. Design of offices building for Informatica e Telecomunicazioni in the industrial area of Pomezia.

1998. Design of private house "Casina di Poggio della Rota" in Bassano Romano.

1999. Design of offices building for DataBase Informatica / EDS Italia in the industrial area of Pomezia.

2000. Design of offices building for Tecnoindex in the industrial area of Pomezia.

2000. Restoration and interior design of the rooftop house in Palazzo Boncompagni in Rome.

2002. Design of offices for Aaland in the former industrial Lanerossi building.

2002. Design of offices building for Web I&T in the industrial area of Aprilia, Rome.

2002. Design for the waterfront of the Civitavecchia Harbor, including the ancient Arsenale, churches, roofs, claws-shaped docks, castle and ancient walls.

2005. Restoration and exhibit design for the archeological museum MAAQ in the convent of S. Maria del Raccomandati in L’Aquila.

2005. Exhibit design for the Museo di Capodimonte, Napoli.

2005. Urban design for the Arch Trajan area in Benevento.

2006. Design of offices and gallery of Christie's in Palazzo Lancellotti, originally designed by Carlo Maderno, in piazza Navona (Rome).

2008. Restoration of Palazzo Graziani Battaglia in Norcia.

2015-17. Design of galleries for contemporary art.

2015. Design of house in Tuscany-Maremma (Montiano)

2016. Design of house in Tuscany-Maremma (Pereta 1)

2016. Design of house in Tuscany-Maremma (Pereta 2)

2016. Design of private house in Rome.

2017. Interior design for private house in Frascati.

 

Lettera al Senatore Mineo sul tema Misure in materia di tutela del territorio.

Ill.mo Senatore Mineo,
e p.c. ill.mo prof. Pica Ciamarra.

Sono stato presente alla conferenza di presentazione del Disegno di legge su iniziativa sel Senatore Corradino Mineo “Misure in materia di tutela del territorio e disposizioni volte ad istituire il fascicolo di fabbricato”. Tenutasi Martedì 27 giugno 2017, ore 12.00 , Sala “Caduti di Nassirya”, Palazzo Madama.
Ho partecipato portando con me inevitabilmente le esperienze sviluppate nelle monografie qui in fondo elencate. Sviluppi teorici prevalentemente espressi in rapporto al patrimonio di architettura vernacolare nel nostro paese. Ma pur interno al patrimonio edilizio complessivo in alta percentuale.

Inevitabilmente pertanto ho cercato, nel corso della conferenza, e poi nei giorni successivi, di farmi un’opinione in merito a quale rapporto la legge in oggetto potrebbe avere rispetto alla metodologia definibile come quella del Manuale del Recupero.
Quali possibilità sussisterebbero nella direzione di un riferimento nella suddetta legge a Manuali come quelli da me costruiti per l’Abruzzo e per le Marche, e poi sviluppati e verificati nel senso di recuperi degli edifici nei borghi?
Del resto non è mancato qualche esile, troppo esile, prospettiva di sviluppo attuativo all’interno di minimi contesti.

In rapporto alla mia personale pluriennale esperienza non posso non rilevare, per quanto concerne l’architettura vernacolare premoderna, davvero tanta e tanto importante in Ialia, che mi rifiuto di definire con espressione fuorviante storica, come la suddetta legge sia eccessivamente costretta nei confini della conoscenza del singolo fabbricato, e mai alle qualità costruttive del borgo e del territorio. Eppure la rilevanza quantitativa e qualitativa dell’edilizia vernacolare e premoderna è nel nostro paese davero consistente (prevalente?). Mi pare che la legge non rapporta la conoscenza se non all’edificio stesso. Senza mai rapportarsi ad alcuna distinzione specificamente rivolta al sistema del cantiere premoderno. Fisicamente premoderno, non metafisicamente storico. Le cui qualità richiedono marcate distinzioni rispetto al sistema del cantiere storico moderno. Essendo le problematiche del cantiere moderno riferite essenzialmente riconducibili a termini costruttivi quali quelli del ferro e del c.a. Le esperienze tragiche dei terremoti hanno confermato l’incompatibilità del sistema costruttivo premoderno rispetto a quello moderno. Occorre accantonare la valutazione consueta limitata a criteri di Storia e di Memoria. Per adottare invece nitidamente a criteri distintivi di logica costruttiva Premoderna e invece Moderna.
Nonostante abitualmente si ricorra dai tecnici ad intervenire sugli edifici premoderni mediante le metodologie del c.a., la realtà del sisma ha messo in evidenza in numerosissimi casi l’incompatibilità del c.a. rispetto alle strutture premoderne. Come possono essere inserite ed acquisire ruolo nel testo di legge concetti di questo tipo?
A voler tenere conto delle mie perplessita’ occorrerebbe che il giudizio conoscitivo sul fabbricato non potesse essere dato se non da chi ha studiato e conosce le tecniche costruttive premoderne interne al manuale del recupero. In cosa consiste il rischio che tale tipo di competenza non sussista? Nel fatto che il tecnico che appronterà il fascicolo del fabbricato si “strapperà i capelli” perché dirà che i fabbricati in pietra sono tutti vulnerabili e che per consolidarli in effetti bisogna “snaturarli” con interventi invasivi e direi “lesivi”… anche perché, se andrà a fare i calcoli strutturali con le nuove normative, di questo sarà confortato!

Quali pertanto saranno i termini conoscitivi da inserire nel “passaporto dell’edificio premoderno”? Semplice: qualità delle murature e delle malte, ammorsamento delle murature nei cantonali, architravature efficaci, catene metalliche, coperture in legno con spinta annullata e cordoli in muratura, limitare le nicchie e le aperture in prossimità dei cantonali e dei martelli murari… e poche altre cose ancora.
E se si volesse, e si dovrebbe, riferirsi anche al borgo e alla sua sicurezza? Facile anche questa domanda… ci vuole una sorta di “fascicolo del borgo” dove si tenga in conto della morfologia del centro storico visto come se fosse un singolo edificio, dove si studiano le interazioni fra una “cellula” e l’altra…

In assenza delle suddette consapevolezze, dei termini di autonomia tra logiche costruttive e consolidative moderne e premoderne, e la legge non puo’ non far riferimento ad entrambe, i tecnici annaspano forzando le verifiche concepite per il moderno anche sul vernacolare (che ripeto fino alla noia, è tanto). La realtà dei postterremoti è una continua conferma dell’inutilità e dell’incongruità di normative che intendano applicare al premoderno logiche consolidative di stampo moderno (devo richiamare ancora l’esito della copertura in c.a. sul campanile di S.Stefano di Sessanio, unica eccezione negativa in un borgo tutto consolidato fortunatamente in base a logiche premoderne?).

Torno a sottolineare che nella meritoria suddetta bozza di legge, dei Manuali del recupero del premoderno non se ne fa cenno. Vogliamo ancora sottolineare per chi non e' pratico l’incongruità tra le modalità costruttive delle murature costituite da gabbie portanti e tamponamenti e di quelle basate su tecniche costruttive continue. Sappiamo tutti bene  che la pratica corrente dei geometri, degli ingegneri e degli architetti tende ad assoggettare sempre le modalità ed i comportamenti delle strutture premoderne alla supremazia delle logiche moderne.
Ritengo pertanto, tornando al tema centrale della legge, che sarebbe basilare soffermarci puntualmente sui guasti che un assoggettamento di questo genere determina costantemente ma soprattutto in sede sismica; riferendoci alla necessita' che non si ritenga producibili la conoscenza del patrimonio premoderno sottomettendolo alle logiche, ai calcoli e alle verifiche numeriche dei processi conoscitivo concepiti per il patrimonio moderno.

Illmo e gentmo Senatore Mineo, spero che non le siano apparse fuori tema le mie osservazioni, espresse nella speranza di fornire un apporto ulteriormente produttivo ad una legge di per sé meritoria di apprezzamento. Preciso che le suddette mie osservazioni sono il frutto di considerazioni che ho avuto modo di produrre in sintonia con il mio collaboratore storico Maurizio Loi, già docente nei miei corsi di Restauro e nei miei Manuali del Recupero. Sottolineo inoltre che l’iniziativa di rivolgere i suddetti appunti contemporaneamente sia a Lei che al mio illustre collega Pica Ciamarra corrisponde all’intento di mantenere viva una forma seppur sommessa di dibattito rispetto ad entrambi i piu’ fervidi promotori della suddetta Legge.

Ancora un ringraziamento per l’attenzione e la pazienza

suo
Sandro Ranellucci

Riferimenti bibliografici
SR. Manuale del recupero della Regione Abruzzo, vol. 1 e 2 Ed. DEI
SR. Manuale del recupero della Region Marche Ed. DEI
SR. Manuale del recupero della Regione Abruzzo, vol. £. Ed. Gangemi
SR. Restauro urbano armonico. Per la decementificazione del territorio. La linea di Benevolo, Cervellati, Marconi. Ed. Gangemi.

ANCORA SUI COMIGNOLI IN AMIANTO, IN ITALIA E IN MAREMMA

RICEVO DAL PROF. MAZZOLA E VOLENTIERI PUBBLICO:
Spesso, con i miei studenti (ma anche con i colleghi americani) mi capita di dover discutere dell'importanza dei comignoli sugli edifici. Spesso, ossessionati dal semplice disegno "classicheggiante" delle facciate, studenti e colleghi dimenticano l'importanza di disegnare i tetti e, soprattutto, i comignoli.
Devo spiegar loro l'ovvio impatto estetico potranno avere sulla facciata quelle presenze indispensabili poste a coronamento degli edifici, ricordandogli che, se non li progetteranno loro, i costruttori provvederanno ad installare le peggiori brutture che gli tornano comode, compromettendo definitivamente l'estetica dell'edificio.
Negli anni si è abusato nell'uso dell'amianto e, sebbene siano oltre 30 anni da quando quello schifo è stato messo al bando, piuttosto che eliminarlo si è inventata la soluzione dell'incapsulamento, un'idiozia fatta nell'interesse dell'industria edilizia e non dell'ambiente ... tra l'altro il costo non è molto differente dalla sostituzione.
Il nostro Paese non ha mai risolto questo problema, siamo costretti a stoccare le lastre di cemento-aminanto e spedirle alle centrali di smaltimento francesi, a costi proibitivi. Tra poco vivremo lo stesso problema con lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici da dismettere, per i quali il nostro Paese (l'Europa intera) non ha un programma preciso ... amiamo promuovere interventi a favore delle case produttrici per poi far ereditare il problema dello smaltimento ai nostri figli e nipoti.
Per tornare al tuo testo, come dico sempre ai miei studenti, la bellezza di un comignolo, da sola, può dar nobiltà ad un edificio. Gli esempi dell'edilizia del primo novecento a Roma (Marconi, Palmerini, Sabbatini, ecc.) dimostrano come degli edifici semplicissimi possano apparire nobili e ricchi grazie ai comignoli!

COMIGNOLI TRADIZIONALI PER PERETA E PER MAGLIANO

Quelli che seguono sono solo alcuni dei modelli tradizionali  che potete trovare in Manuale del recupero della Regione Abruzzo, nonchè in Manuale del Recupero della Regione Marche, in tre volumi, edizioni DEI, Tip.Genio Civile. Naturalmente gli stessi modelli sono del tutto validi per lo meno per tutto il centro Italia, o quanto meno per tutta la fascia appenninica.

 

04. AI DUE VENTI IN COPPI E MATTONI02. AI DUE VENTI IN COPPI E MATTONIAI DUE VENTI IN COPPI E MATTONI03. AI DUE VENTI IN COPPI E MATTONI

Articoli più recenti Articoli precedenti